contatore statistiche per siti
lunedì, 16 ottobre 2017

Coppa Italia: la Mistral Gaeta a fatica supera Lavinio. Al Riciniello finisce 4-3

 

 

Esordio in coppa italia più rocambolesco non poteva esserci per la Mistral Città di Gaeta di Mr. Parisi che, priva degli squalificati Vitale e Bernisi, ha prima regalato gran spettacolo, poi ha fatto riemergere i i soliti problemi  di calo mentale ed infine ha conquistato i primi 3 punti stagionali all’ultimo sospiro.

Nei primi 10’ le squadre si studiano ed il risultato rimane fissato 0-0 con poche occasioni da segnalare, con la Mistral che prova la via del goal con Fanelli senza trovare fortuna.

Il match si sblocca al 13’: bell’azione solitaria di Esposito sulla destra, cross a centro e Di Florio non sbaglia, bella la rete per il neo acquisto ex Formia alla sua prima gara da titolare.

Nemmeno un minuto più tardi, 1-2 micidiale e la Mistral trova anche il raddoppio, stavolta l’azione parte dalla sinistra con Pensiero che dribbla un difensore, crossa e la devizione della retroguardia difensiva ospite diventa un assist al bacio per Fiore che da due passi deve solo spingerla dentro.

Al 16esimo gli ospiti possono accorciare le distanze con un penalty a loro concesso ma D’Incà è bravo a neutralizzare il tiro di Giancana.

Poi è Pasquino ad imitarlo con un bel colpo di reni su colpo di testa di Fortunato ma al 26esimo stavolta il rigore viene assegnato ai padroni di casa ed Esposito non fallisce il tiro dal dischetto. Dunque, 3-0 e Lavinio che rimane successivamente anche in 10 a seguito dell’espulsione per doppia ammonizione ai danni di Sandi.

Sembra terminare così la prima frazione ma al 40esimo Grillo accorcia le distanze con un bel goal di testa che sorprende tutta la difesa gaetana.

Si ricomincia e accade l’incredibile al Riciniello, al 48’ Cannariato fa partire un bolide che non lascia alcuno scampo a D’Incà ed al 56esimo arriva perfino il pareggio del Lavinio Campoverde ed ancora con un goal di testa, stavolta è Loreti a beffare i padroni di casa.

La Mistral sembra perdere sempre più lucidità ed al 65esimo per poco D’Incà non compie un pasticcio regalando la sfera agli ospiti, con questi ultimi che si divorano da 2 passi il 4-3.

Girandola di cambi da parte di entrambe le formazioni e biancorossi che provano in tutti i modi la via del goal trovando però una difesa nettunense sempre pronta a darsi battaglia con le unghie e con i denti.

Sul finale, il goal degli uomini di Parisi è nell’aria ma l’imprecisione non aiuta i gialloblù, prima il troppo altruista Di Florio serve Di Trocchio quale si allunga la sfera sul fondo mentre all’87esimo uno stremato Monforte (tra i migliori in campo) imbeccato da solo in area svetta bene ma colpisce di testa mandando clamorosamente alta la sfera, nell’incredulità di tutti.

A salvare i gaetani ci pensa Di Florio al 90esimo che sigla il 4-3 e fa esplodere il Riciniello quale ha assistito ad un match a dir poco pazzo ed una rimonta ospite che lascia ancora qualche dubbio sul vero volto della Mistral che sembra ancora non aver trovata una fisionomia ben definita.

Prossimo turno previsto per Domenica 17 per la 3^ gara di campionato da disputarsi al Riciniello contro il Pontinia mentre il ritorno con il Lavinio Campoverde avverrà Mercoledì 27 Settembre.

Mistral Città di Gaeta – Lavinio Campoverde 4-3 (p.t. 3-1)

Mistral Città di Gaeta: D’Incà,Di Franco (58’ Siniscalchi), Di Russo,Casaburi (75’ Parasmo) Fortunato,Monforte,Fiore,Fanelli (58’ Mallardi),Di Florio,Esposito,Pensiero (58’ Di Trocchio). A disp: Caneschi,Castillo,Di Cecca. All: Parisi Alessandro.

Lavinio Campoverde: Pasquini,Capolei,Correia,Elhamammia (78’ Consalvi),Sandi,Fratticci,Giancana,Loreti,Omar (70’ Frati),Cannariato,Grillo. A disposizione: Rossetto,Di Maria,Fratarcangeli,De Angelis,Tacconi. All: Antonelli Gianni.

Marcatori: 13’ e 90’ Di Florio (M),14’ Fiore (M9, 26’ Esposito su rigore (M),40’ Grillo (L),48’ Cannariato (L),56’ Loreti (L).

Ammoniti: Siniscalchi (M), Giancana (L)

Espulsi: Sandi e Capolei, entrambi per doppia ammonizione.

Note: al 16’ D’Incà para il rigore a Giancana.