Il caso della discarica abusiva scoperta a Itri sta coinvolgendo anche politici e amministratori di fuori paese. A tal proposito si registra una presa di posizione firma di Simone Di Mascolo, dirigente regionale di Gioventù nazionale (GN), e di Mario Romanzi, dirigente provinciale di GN e vicesinado di Roccagorga con delega all’ambiente.

“Il rinvenimento nel comune di Itri di una discarica abusiva con la possibile presenza di materiale tossico –esordisce l’ing. Di Mascolo- sta scuotendo l’intera comunità itrana e provinciale. E’ un episodio gravissimo soprattutto in considerazione del fatto che la natura dei materiali inquinanti sia ancora da determinare. E’ inaccettabile che materiale di possibile natura tossica sia stato rilasciato, senza alcun senso civico, a pochi chilometri dal centro abitato e senza che nessuno si sia accorto di nulla. Non si può in nessun modo accettare che ignoti avvelenino il nostro territorio mettendo in pericolo la salute dei cittadini e quella delle future generazioni. Già in altre occasioni, come gruppo regionale, abbiamo alzato la voce contro episodi incresciosi che si sono rivelati causa di danno ambientale, come avvenuto nel caso di sversamenti del fiume Sacco. Grazie alla nostra attenzione verso tematiche ambientali, insieme all’efficienza delle amministrazioni e della magistratura i responsabili sono stati individuati, dunque, come GN auspichiamo che anche in questo caso un lavoro sinergico tra amministrazioni interessate ed enti competenti riesca a garantire l’imminente ripristino del sito, scongiurando ogni pericolo per la salute pubblica e altresì ci auguriamo che venga a galla la verità sui reali responsabili e che vengano presi i giusti provvedimenti. Noi saremo sempre pronti a dichiarare guerra ai nemici della nostra terra”. “Come Gioventù Nazionale- dichiara, da parte sua, Mario Romanzi, Presidente Provinciale di GN e Vicesindaco di Roccagorga con delega all’ambiente- stiamo portando avanti su tutto il territorio delle campagne di sensibilizzazione sull’ambiente accompagnate da una forte attività di denuncia dei casi di inquinamento. L’ambiente, infatti, rappresenta la sfida principale del nostro tempo e come GN crediamo sia necessario che la politica, ad ogni livello, si assuma dei concreti impegni al di là della solita propaganda fine a se stessa che sentiamo oggi. Per questo siamo al fianco dei cittadini itrani in questa battaglia di civiltà”.

Per eventuali contatti da parte dei cronisti: Simone di Mascolo (Tel. 3275829505) – Mario Romanzi (Tel. 3278451982)