“Il Cisternone è anima pulsante della città. La sua riapertura ci rende meno ‘orfani’ di bellezza – commenta il vice sindaco e assessore alla Cultura Carmina Trillino – L’amministrazione sta lavorando con attenzione al recupero e alla valorizzazione dei nostri siti archeologici, molti dei quali finora carenti per sicurezza e tutela. Ripulita e rivalorizzata l’area archeologica di Caposele, sottoscritto il protocollo d’intesa con la Soprintendenza/Mibact per la tomba di Cicerone, ripensata sull’arte contemporanea e sul centro culturale la torre di Mola. La città di Formia può e deve accettare la sfida di essere protagonista di bellezza”.

“Attraverso i bandi – spiega il sindaco Paola Villa – saranno ristrutturati i Criptoportici e la torre di Castellone. In dirittura d’arrivo anche l’illuminazione della fontana di San Remigio. Il patrimonio monumentale della città deve essere di supporto all’attività balneare e collinare per una ripresa economica e turistica”