contatore statistiche per siti
sabato, 22 settembre 2018

Formia: “Mai più”, ricordo per le vittime della “Shoah”

 

 

Mostre, rappresentazioni teatrali, readings, concerti.

20140118-135702.jpgDal 18 al 30 gennaio un ricco programma di eventi celebrerà la “Giornata della memoria” in ricordo delle vittime della “Shoah”. Il calendario è organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Formia in collaborazione con l’Ipab Santissima Annunziata e i Teatri Riuniti del Golfo. Dal 18 al 30 gennaio i Criptoportici della villa comunale ospiteranno “L’impossibile oblio – C’era una volta… speriamo mai più!”. La mostra dedicata all’olocausto sarà aperta la mattina per le scuole e il pomeriggio dalle 17 alle 20. Il 20 gennaio alle ore 20.30 e il 21 gennaio alle ore 10 (per le scuole) al teatro Remigio Paone andrà in scena “La valigia dei destini incrociati”, rappresentazione-spettacolo realizzata dal teatro “Bertolt Brecht” su testo di Alessandro Izzi. Il 26 gennaio alle 11, presso la torre di Mola, si terrà la lettura-concerto “Il popolo rom e la Shoah”, con i Taraf de Metropulitana, trascinante ensemble di musicisti tzigani, composta da virtuosi di violino, fisarmonica, cymbalon, bassogardon e altri strumenti. Il repertorio è costituito da melodie tradizionali del cuore dei Carpazi, tra doine e sirbe tradizionali rumene, canzoni napoletane, tarantelle e standard internazionali. Il fisarmonicista, Albert Mihai, è spalla nei concerti del musicista-scrittore Moni Ovadia. Il 27 gennaio, Giornata della Memoria, alle ore 11.59, tutte le scuole della città osserveranno un minuto di silenzio per omaggiare le vittime della follia nazista. Alle ore 19 chiusura al teatro Remigio Paone con il concerto di musiche ebraiche “Sefardita”. Per tutti gli eventi in calendario l’ingresso è libero. “Mai più’ è il titolo del programma – spiega l’assessore alla Cultura Maria Rita Manzo -. Conoscere la storia è il primo passo per superarne gli scempi. Vogliamo che le scuole partecipino a questo percorso e che lo facciano in modo attivo, attraverso l’arte e la musica. Per carpire gli insegnamenti del passato attraverso l’emozione e il ricordo”.

Comunicato stampa Comune di Formia