20140226-194007.jpgProsegue a Fondi la battaglia della polizia locale contro i fruttivendoli che, esponendo frutta e verdura sulla strada, occupano il suolo pubblico e infrangono le norme igienico-sanitarie. Proprio lo scorso sabato gli uomini coordinati dal comandante Mauro Renzi hanno eseguito un’ordinanza di chiusura di un’attività e non è escluso che nei prossimi giorni possa scattare il sequestro. Una tradizione, quella di mettere in bella vista i prodotti, che arriva dal nord africa e che è divenuta oggetto di interesse da parte delle forze dell’ordine con la crescita esponenziale di punti vendita gestiti da egiziani i quali, proprio come facevano i loro avi, ritengono che per attirare la clientela sia necessario posizionare in un perfetto ordine cromatico frutta e verdura.

La strategia di marketing sembra stia sortendo buoni effetti ma la polizia locale ritiene che tali tradizioni infrangano tutta una serie di leggi. In primis le irregolarità riguardano gli aspetti igienico sanitari, in quanto la merce viene esposta allo smog delle arterie cittadine, in secondo luogo così facendo i titolari delle frutterie occupano illecitamente il suolo pubblico.

fonte: il messaggero

articolo correlato stop alla vendita all’aperto di frutta e verdura cosa succederà nel golfo