contatore statistiche per siti
lunedì, 25 giugno 2018

Gaeta insignita dell’ “European Diploma of the Council of Europe”, unica Città italiana a ritirare il “Diploma europeo” a Strasburgo

 

 

Gaeta è l’unica Città in Italia a ricevere il “Diploma europeo 2018” insieme ad altri 15 Comuni dell’UE. La piacevole conferma arriva direttamente da Strasburgo in una nota indirizzata al Sindaco Cosmo Mitrano e porta la firma della Commissione affari sociali, salute e sviluppo sostenibile – Segretariato dell’Assemblea parlamentare europea Consiglio d’Europa.

Il Sindaco di Gaeta nel corso della premiazione in programma il prossimo 28 giugno presso il Palazzo del Consiglio d’Europa di Strasburgo, sarà affiancato dai suoi colleghi provenienti dalla Francia, Angers (Pays de la Loire); Germania, Bad Krozingen (Baden-Württemberg) e Stuttgart (Baden-Württemberg); Italia Gaeta (Lazio); Lithuania, Naujoji Akmenė (Šiauliai County), Polonia, Mińsk Mazowiecki (Mazovian Voivodship) e Płońsk (Mazovian Voivodship); Slovacchia, Republic Zemné (Nitra Region); Turchia, Ahmetbey (Marmara Region), Edremit (Aegean Region), Kahramankazan (Central Anatolia), Lüleburgaz (Marmara Region), Şişli (Istanbul Municipality), Süleymanpaşa (Tekirdağ Municipality); Ucraina, Kyiv (Kyiv Municipality) e Lviv (Lviv Oblast).

“Un immenso onore per la nostra Città – commenta il Sindaco Cosmo Mitrano – rappresentare l’Italia in Europa in un contesto che vede premiate le azioni amministrative che abbiamo promosso e sostenuto con convinzione in questi anni relative all’agenda europea e in particolare quelle finalizzate alla formazione di una cittadinanza consapevole”. Prosegue il primo cittadino ricordando che i veri protagonisti di questi confronti e convegni promossi dal Comune sono gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado della Città di Gaeta “nei confronti delle future generazioni – aggiunge Mitrano – abbiamo l’impegno morale di fornire tutti gli strumenti per una crescita sociale, culturale ed umana”. “Un premio – conclude il Sindaco Mitrano – che è il risultato di un percorso che ha visto al nostro fianco Partner istituzionali del territorio a cui intendo rivolgere il mio personale ringraziamento: i Dirigenti Scolastici Maria Rosaria Macera, Maria Angela Rispoli e Maria Rosa Valente; e la Prof.ssa Alessandra Pedagna, Presidente del Movimento Federalista Europeo sezione di Gaeta”.

Il “Diploma europeo”rappresenta il primo riconoscimento di un percorso suddiviso in quattro step che prevedono la selezione di Comuni in base ad alcuni parametri e criteri. Ogni anno, nel corso di una cerimonia ufficiale al Palazzo d’Europa a Strasburgo, durante la sessione di giugno dell’Assemblea, viene quindi consegnata una pergamena ai Sindaci di quei Comuni che hanno sottoposto la loro candidatura e sono stati selezionati da una apposita commissione. Istituito nel 1955 dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, dal 2012 ad oggi, sono ben 70 le Città e Comuni europei che hanno ricevuto il Premio d’Europa, 248 hanno ottenuto la Targa d’Onore, 1165 hanno la soddisfazione di far sventolare la Bandiera d’Onore ed oltre 600 Comuni sono insigniti del Diploma Europeo.

A curare la candidatura del “Diploma europeo” l’Assessore Angelo Magliozzi che ha così commentato l’esito positivo della selezione “apprendiamo con grande soddisfazione del prestigioso riconoscimento europeo ottenuto grazie alla sinergia tra Comune, mondo della scuola e il Movimento Federalista Europeo di Gaeta che ha collaborato nella fase di stesura della domanda che ha soddisfatto tutti i requisiti”. “Un ringraziamento particolare – conclude Magliozzi – intendo rivolgerlo alla delegata ai rapporti internazionali Roberta Castini, che ha profuso impegno ed energie nel seguire l’iter della stesura della domanda occupandosi degli aspetti documentali e di ricerca, elementi che ci hanno permesso di ottenere questo prestigioso premio frutto del lavoro di squadra”. Requisiti riconducibili a nove aree tematiche: adesione ad organizzazioni di poteri locali, gemellaggi con Comuni di paesi membri del Consiglio d’Europa, relazioni con Comuni di altri Paesi, scambi culturali, manifestazioni europee, celebrazione della Giornata dell’Europa, favorire la diffusione dell’idea europea nelle scuole, solidarietà europea a favore di Comuni vittime di calamità naturali, partecipazione attiva dei giovani”.