contatore statistiche per siti
domenica, 20 ottobre 2019

Gaeta, uomo in cerca di asparagi trova 1 kg di hashish: due denunce

 

Quasi 1 chilogrammo di sostanza stupefacente del tipo hashish abilmente sotterrata nella zona boschiva denominata Le Vignole

 

Ulteriore sequestro di sostanza stupefacente messo a segno dalla Polizia di Stato. ​Il sequestro operato dalla Polizia Giudiziaria rientra in un più ampio programma volto ad infrenare il fenomeno della diffusione e quindi il consumo di stupefacenti tra i giovani locali.

Prosegue l’azione volta alla prevenzione di reati in genere nonché al monitoraggio di soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.​

Tale incessante attività ha consentito nella mattinata di domenica 12 marzo di recuperare nel Comune di Gaeta, quasi 1 chilogrammo di sostanza stupefacente del tipo hashish abilmente sotterrata nella zona boschiva denominata Le Vignole a confine con il comune di Itri. ​

In effetti, un uomo approfittando della calda giornata primaverile, si è recato in detta zona per la raccolta degli asparagi, allorquando ha notato che tra alcuni arbusti il terreno risultava rimosso, come se qualcuno di recente vi avesse nascosto qualcosa.

Tale situazione ha incuriosito l’uomo che ha provveduto ad allertare la Polizia di Stato del Commissariato di Gaeta in quanto (testualmente) riferiva che la Polizia è ritenuta particolarmente attiva a Gaeta nel contrasto agli stupefacenti.

​Gli agenti, recatisi sul posto, immediatamente provvedevano a rimuovere il terreno in superfice e con sommo stupore, rilevano la presenza di un contenitore in plastica, che conteneva diversi panetti di sostanza stupefacente del tipo hashish nonchè decine di pezzetti suddivisi già in dosi per essere successivamente senza ombra di dubbio ceduti ai consumatori della città rivierasca. ​

Le immediate indagini volte a individuare gli autori del deposito di tale sostanza, hanno consentito di attribuirne il possesso a due giovani del luogo, già noti alle forze dell’ordine perché dediti ad attività illecite, che sono stati deferiti all’autorità giudiziaria di Cassino. ​Sono in corso ulteriori indagini volte ad individuare ulteriori cointeressati nella vicenda.