contatore statistiche per siti
mercoledì, 20 marzo 2019

Il teatro e la musica rivivono Faber

 

In scena domenica 13 gennaio

 

di Krizia Celano

Dedicato alla figura dell’Avvocato, Artista e Blogger Mario Piccolino, va in scena domenica 13 gennaio 2019 lo spettacolo-teatrale “… e l’Amore ha l’Amore come solo argomento” da una regia di Diego Sasso ed a cura della Cantina Teatrale La “Luccicanza” e dell’Associazione Culturale Koinè.

Lo spettacolo, proposto in occasione del ventenario della morte di Fabrizio de Andrè e patrocinato dal comune di Formia, è una carrellata poetica e musicale che “racconta” i punti chiave dell’etica del cantautore genovese, dalla “Città Vecchia” alla Bocca di Rosa, dalle storie degli emarginati a quelle introspettive, dal sacro al profano, il tutto racchiuso negli ideali di Libertà e Amore che in ogni suo verso, oggi e per molto ancora, riescono a farci comprendere, emozionare e commuovere.

Lo spettacolo, contornato da scene teatrali e coreografie, vede protagonista la musica di Faber attraverso una “Faber orchestra” composta da Diego Sasso, Guido Mauro, Christian Congedo, Luciano De Santis, Laerte Scotti, Giuseppe Saltarelli, Fabio Ruggieri.

Inoltre, la pièce si avvale di un vero e proprio narratore, Kristian Franzini, con la partecipazione delle voci di Claudia Macone e scene a cura della Cantina Teatrale La “Luccicanza” e della “Milizia dei Folli”.

Ci saranno inoltre coreografie a cura delle scuole di Danza Charlot Danza e Arti in Movimento, più in particolare ideate da Antonella Carpino e Giuliana Guttoriello.

Per gli amanti del Faber è un’occasione da non perdere, un invito a riportare alla memoria le canzoni e le emozioni di un grande, se non il grande, della musica cantautorale italiana.

D’altronde, quale altro modo c’è di far rivivere la memoria se non celebrandola in maniera collettiva? Una serata all’insegna dell’arte pura, dell’ascolto e dell’introspezione, ma soprattutto all’insegna della profonda anima umana, la sola, che in tutti i suoi testi, il nostro amato faber faceva sempre trasparire.