Ricomincia da dove aveva finito prima di entrare in esecutivo. Dai ragazzi delle scuole, dal volontariato, dalla sensibilizzazione sul tema dell’accoglienza. Stefania Valerio, neo-assessora alle Politiche Sociali del Comune di Formia, ha presenziato questa mattina all’atto conclusivo di “Erasmus Migrant”, il progetto promosso dall’IISS Filangieri che vede le alunne e gli alunni dell’Istituto per Geometri Tallini di Penitro impegnati in un interessante percorso educativo sul tema dell’accoglienza insieme a studenti provenienti da scuole di diversi Paesi: Francia, Polonia, Norvegia, Turchia e Grecia. 

Obiettivo: far conoscere ai ragazzi la realtà dei migranti, i loro bisogni e le loro speranze, i diritti dell’uomo e i principi basilari per la civile convivenza tra i popoli.
Al percorso, collegato al progetto “Scuola e Volontariato Sud Pontino” realizzato dal CESV di Formia, hanno preso parte alcune delle sigle associative che sul territorio sono impegnate nel delicato servizio di accoglienza e integrazione degli immigrati: il Gruppo Umana Solidarietà di Formia e Itri (settore emergenze e settore SPRAR) e l’associazione “Azalea” di Monte San Biagio. 

Nel corso del progetto gli alunni hanno avuto la possibilità di svolgere servizio di volontariato a Roma con importanti realtà del settore come “Save the children” e “Baobab”. Hanno inoltre preso parte ad un concorso di “Scrittura creativa” che li ha visti proporre storie, poesie e musiche sul tema dei migranti. 

“L’educazione delle nuove generazioni – commenta l’Assessore Stefania Valerio – è il primo passo da attuare se vogliamo costruire una società sempre più moderna e accogliente che, valutando i presupposti storici, sociali e culturali del fenomeno immigrazione, si impegna a favorire l’integrazione e a contrastare le forme di strisciante intolleranza che ancora accompagnano il sentire di tante persone. Ringraziamo l’Istituto Filangieri per questo importante percorso di educazione. La conoscenza – conclude – ci aiuta a fronteggiare la paura, l’impegno a governare le situazioni nel modo più efficace, sostenibile ed equo”.