contatore statistiche per siti
martedì, 25 giugno 2019

L’alberghiero di Formia designato scuola “Ambasciatrice del Parlamento Europeo”

 

Grazie ad un progetto promosso dal Segretario generale del Parlamento europeo Klaus Kelle, nominati Junior Ambassadors 20 nostri studenti, guidati da un Senior Ambassador.

 

Scuola Ambasciatrice del Parlamento Europeo: la naturale vocazione dell’Alberghiero di Formia ad aprirsi al territorio ed esserne un punto di riferimento ha valicato i confini regionali e nazionali, grazie ad un pregevole Progetto promosso dal Segretario Generale del parlamento europeo, Klaus Welle.

L’iniziativa è nata per sensibilizzare i giovani sull’Europa e sulla democrazia europea, mediante la Conoscenza Attiva dell’Unione e dell’Euro-parlamento.

Sostenuti dalla Dirigente, dott.ssa Piantadosi , e guidati dal docente Senior Ambassador, prof.ssa Soprano, 20 dei nostri alunni sono divenuti Junior Ambassadors e si sono adoperati per studiare le tematiche afferenti l’organizzazione europea, la sua storia , i suoi valori.

Si sono recati presso la rappresentanza Italiana del Parlamento europeo a Roma, hanno realizzato un videoclip sull’importanza del voto per il parlamento europeo del prossimo maggio. L’investitura ufficiale è avvenuta l’8 maggio, nell’ambito delle celebrazioni della Festa dell’Europa, presso la Sala convegni dell’Istituto Alberghiero di Formia. La manifestazione si è aperta, al cospetto di varie autorità intervenute, con l’Inno all’Europa, interpretato dal coro LIS diretto da Katia Macelloni.

Nei saluti, la dott.ssa Piantadosi ha ringraziato i presenti e sottolineato come i nostri junior Ambassadors siano lo sbocco naturale di una vocazione europeista dell’istituto, più volte partecipante, tra l’altro, alle gare continentali dell’AEHT, con splendidi risultati tanto da essere ormai conosciuto nelle varie nazioni ospitanti.

Ora toccherà ai ragazzi “ambasciatorid’Europa” trasmettere ai loro compagni le conoscenze acquisite e consolidare in loro l’amore per l’Europa, per le sue Istituzioni, spesso non ben conosciute. Bisogna far nascere e coltivare la consapevolezza di essere cittadini d’Europa.

E’ poi intervenuta, in rappresentanza dell’ USR del Lazio e dell’USP di Latina, la dott.ssa Barbato, che si e è complimentata con la nostra scuola, definita d’eccellenza. Ha portato i saluti del dott. De Angelis e della dott.ssa Carbonara.

Altra presenza di spicco ,il sindaco di Formia, dott.ssa Villa, che ha tenuto a ricordare, parlando di Europa, la vocazione all’accoglienza, all’inclusione, all’apertura e al confronto con le altre civiltà, valori da preservare in un momento così delicato. E i giovani ambasciatoridovranno trasmettere questi valori ai loro compagni e a tutti in generale.

Per il comune di Gaeta era presente il vice sindaco, dott., Magliozzi, che si è complimentato con la DS e ragazzi, veri protagonisti dell’iniziativa.

Per le forze dell’ordine hanno portato la loro testimonianza il maggiore Pirrera, dei Carabinieri, il tenete Moscardini della Guardia di Finanza e il sostituto commissario Pellegrino della Polizia di Stato.

Tutti hanno sottolineato l’importanza della collaborazione tra le varie forze europee, una sinergia utile per garantire la sicurezza di tutti.

E’ poi intervenuta la prof.ssa Soprano, referente del Progetto e senior Ambassador, che ha illustrato nel dettaglio il percorso del progetto , i 23 giovani studenti hanno conosciuto meglio le istituzioni europee, con le visite presso varie sedi del Parlamento europeo in Italia, anche grazie alla fattiva opera della ambasciatrice Fadiga, presente in sala insieme agli alunni della classi quinte, coinvolti anche in vista del percorso di cittadinanza e costituzione per gli Esami di stato.

Ad essi è stato riservato un simpatico “test” sulle istituzioni europee per designare la Classe ambasciatrice del Parlamento europeo.

La parola è poi passata alla relatrice del convegno, dott.ssa ambasciatrice Mercuri Fadiga. Con grande maestria e innata capacità comunicativa, l’ambasciatrice ha calamitato l’attenzione della platea con una lectiomagistralis sull’Europa, dalle origini ai nostri tempi.

L’Europa ha simboleggiato nei secoli varie istanze, ora religiose, ora culturali… oggi l’Europa è sinonimo fi pace, grazie all’UE, da preservare. Oltre all’essenza del concetto Europa, la ambasciatrice ha aperto ,a beneficio dei presenti, un capitolo sulla sostenibilità, per il futuro del nostro pianeta.

Per renderla realtà, c’èbisogno di istruzione , dell’apprendimento continuo e di qualità per essere cittadini competenti, consapevoli. Solo così potrà sopravvivere il nostro pianeta. Il futuro cittadino deve conoscere, costruire e padroneggiare , per godere dellacittadinanza globale. Altri interventi, quelli della dott.sa Caterini, che ha seguito tuti i momenti del progetto dei nostri ragazzi ed ha mostrato il video realizzato per l’occasione .Prima della conclusione, è intervenutoanche ilconsigliere Regionale Eleonora Mattia, presidente della IX Commissione – Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio- in rappresentanza del Presidente della Regione LazioZingaretti, che ha esaltato le iniziative avanzate dall’Europa per i giovani, dall’Erasmus ai Pon, ecc.

Conclusi i lavori del convegno con la consegna degli attestati di “ambasciatori” agli studenti coinvolti e sulle note dell’Inno di Mameli con la coreografia del gruppo LIS, si è proceduto a scoprire la Targa ufficiale con cui il “Celletti” è stato insignito del titolo “Scuola ambasciatrice del parlamento europeo”, nello spazio antistante al front office dell’albergo interno.

Al termine, alle autorità convenute è stato offertoun lunch europeo preparato dagli studenti, guidati con professionalità estrema dai docenti e dal personale tutto dei settori sala,cucina e ricevimento, con un menù di respiro europeo. In particolare, piatti tipici mediterranei , in special modo di Grecia, Spagna e Italia.

Un altro passo importante per consacrare ulteriormente il nostro istituto nel gotha delle scuole , non solo alberghiere del Lazio e senza falsa modestia d’Europa, visto che ora abbiamo junior e senior Ambassadors che la rappresentano.

A cura del prof. Biagio Testa