contatore statistiche per siti
mercoledì, 26 febbraio 2020

Nuovo sistema di portualità, Piano Regolatore Portuale della Città di Formia. Giovedì 13 l’incontro pubblico

 

 

Giovedì 13 febbraio alle ore 17.30 presso la Sala Ribaud, si terrà un incontro pubblico per l’illustrazione delle proposte di linee di indirizzo da trasmettere alla Regione Lazio per il redigendo Piano Regolatore Regionale Portuale della Città di Formia, alla presenza del Sindaco della Città di Formia dott.ssa Paola Villa e con gli interventi dell’assessore all’Urbanistica e Demanio Marittimo ing. Paolo Mazza e del progettista incaricato arch. Aurelio Meloni.

L’incontro pubblico si configura come parte essenziale di un percorso avviato da agosto 2019, attraverso vari incontri e passaggi effettuati, al fine di fornire al tecnico incaricato tutti gli input utili e necessari, per la stesura di una proposta che possa essere la più condivisa e la migliore possibile per uno strumento importante quale è il PRG portuale della Città di Formia, che proprio in questi giorni può prendere reale forma e sostanza, dopo diversi tentativi non giunti a buon fine negli anni precedenti.

Infatti il PRG Portuale, assieme all’adeguamento della Variante del Piano di Utilizzazione degli Arenili la cui prima fase di adozione è stata già avviata il mese scorso, costituiscono un’occasione irripetibile alla quale sono chiamati a concorrere non solo la Politica, ma anche gli Ordini professionali, le Associazioni di categoria, il mondo imprenditoriale e datoriale, la Capitaneria di Porto e le altre Forze dell’ordine interessate, tutti i portatori di interesse che in una parola vengono individuati come stakeholder, oltre tutti i cittadini interessati a contribuire con la propria opinione.

L’obiettivo primario è quello di delineare e ricomporre in maniera più efficiente e organizzata lo scenario attuale del Porto con le sue attività concorrenti, delineandole in un quadro di maggiori potenzialità ed opportunità del sistema portuale della Città di Formia, attraverso alcune rilocalizzazionidi attività che possano consentire il loro efficientamentoe il conseguente ampliamento di approdi turistici e aree da adibire a servizi pubblici  e/o di interesse pubblico a servizio della città e delle attività contigue l’area portuale.

Progettare la riqualificazione del Porto di Formia, prospettarne e prepararne l’ampliamento, non potrà prescindere dal ripensare al sistema della mobilità, della sosta e dei servizi nelle aree a ridosso dell’area portuale, e potrà costituire il pretesto quindi per realizzare uno spazio pubblico polifunzionale (coperto e scoperto) che restituisca alla città ed ai cittadini di Formia itinerari pedonali ricchi di attrattività e di servizi come cerniera tra terra e mare.

Non deve sfuggire pertanto l’importanza e l’opportunità di contribuire, ciascuno con il proprio bagaglio di esperienze e competenze ma anche con la propria “sensibilità di abitante” del Porto e della città, a valutare le proposte che saranno illustrate nel corso degli interventi e del successivo dibattito sulla riconfigurazione del porto esistente, e a portare ognuno i propri contributi per definire un “patto” sulla portualità con le forze e le energie più propositive della città.