Il 17 luglio 2020, alle ore 03:30, ad Aprilia , un 48 enne c.c. di caltanissetta , al termine di una lite scaturita per motivi in corso di accertamento, ha esploso tre colpi di revolver cal.38, legalmente detenuto, che hanno attinto, colpendola al torace e causandone la morte, la moglie 45 enne s.g.c., originaria della medesima provincia. L’uomo, dopo aver commesso il delitto, si è poi suicidato sparandosi un colpo in testa con la stessa arma utilizzata per fare fuoco sulla consorte. I carabinieri del posto giungevano sul luogo dell’accaduto, avvertiti da una parente convivente con la coppia e,dai primi accertamenti svolti, si appurava che i due congiunti, provenienti dal comune di Marino (RM) non avessero in corso alcuna causa di separazione, giunti nel comune apriliano dal maggio di quest’anno, esercitando l’attività di commercianti.

Sono in corso ulteriori indagini coordinate dalla procura della repubblica competente.