Sono pronti ad iniziare l’attività pratica i dieci volontari del Servizio Civile che si sono formati in questi mesi nell’ambito del progetto “A.S.I.A. (Assistenza, Solidarietà, Integrazione, Autonomia) Punto Rete”. Si passa dunque alla fase successiva al termine di un percorso di approfondimento di tematiche specifiche e la realizzazione di attività trasversali di gruppo. Uno step  importante a distanza di due mesi e mezzo dall’avvio del progetto che sta consentendo ai giovani volontari Marco Nazari, Elettra De Giuli, Laura Tribuzio, Daniele Telmi, Valentina Buonomo, Fustolo Valentina, Nicola La Brocca, Giovanni Masella, Martina Odino, Francesca Ciano, Martina Sardano,di intraprendere il loro percorso di Servizio Civile nel mondo dell’assistenza a persone con particolari fragilità.

“Auguro ai ragazzi – commenta il Sindaco Cosmo Mitrano – di proseguire con entusiasmo un percorso che offrirà loro l’opportunità di vivere un’esperienza nel sociale diffondendo i principi e i valori che custodiscono e che hanno saputo condividere durante il percorso formativo. “Aiutare gli altri perche l’altro sono io” è uno degli slogan racchiuso in un bellissimo video che hanno realizzato a conclusione del percorso formativo e che descrive bene la motivazione della loro scelta e lo spirito con il quale i ragazzi hanno vissuto questa prima fase”.

Tra i temi della formazione generale il Servizio Civile, la sua storia e i suoi principi, la carta di impegno etico, la difesa civile e non armata e non violenta, l’obiezione di coscienza, la cittadinanza attiva, le dinamiche di gruppo, la rappresentanza attiva, i temi della non violenza. Altrettanto intensa e ricca di spunti e riflessioni il percorso della formazione specifica delineato nei suoi contenuti  nella conoscenza dell’ente, della realtà territoriale e della normativa vigente in tema di politiche sociali e servizi per i disabili. Particolarmente interessanti le formazioni relative alla pedagogia generale, alla relazione di aiuto, all’inclusività, alla comunicazione alla gestione e alle dinamiche gruppo, con  moduli dedicati alla conoscenza delle imprese e all’orientamento lavorativo. Importanti i moduli relativi alla sicurezza, al trattamento dati e al primo soccorso e alla protezione civile.

“Si avverte sempre una grande emozione – spiega l’Assessore alle Politiche del Welfare Lucia Maltempo – nell’assistere alla conclusione di un percorso e all’inizio di un altro ancora più impegnativo ma che sono certa regalerà grandi soddisfazioni ai nostri ragazzi i quali potranno cimentarsi con realtà concrete mettendo in campo quanto di teorico hanno appreso e, nel contempo, proprio dall’esperienza diretta sul campo, potranno ancora imparare. Un bellissimo gruppo – aggiunge Maltempo – composto da ragazzimotivatiche non vedono l’ora di mettersi alla prova e che daranno il massimo in termini di impegno ed entusiasmo. Loro avranno inoltre il compito importantissimo di diffondere e sensibilizzare i più giovani ad una cittadinanza attiva e responsabile”.

Il gruppo dei volontari è coordinato dal Dipartimento Cultura e Benessere Sociale del Comune di Gaeta che fornisce loro supporto favorendo l’andamento delle diverse attività progettuali mentre i dieci ragazzi saranno impegnati nell’assistenza scolastica nell’I.C. “G. Carducci” di Gaeta;nell’ assistenza extramuraria su casi individuati dal Servizio Sociale e su  progetti specifici legati all’autonomia per giovani fragili in collaborazione con la “Fondazione Fronzuto ONLUS”; nell’ assistenza presso il Centro Diurno per disabili gravi gestito. Altre iniziative pronte a partire sono: il giornalino Caleidoscopio  come progetto di integrazione per giovani fragili e  quale mezzo di informazione sociale; la Promozione del  Servizio Civile e del volontariato tramite incontri con altri volontari  di SCU e con associazioni, la realizzazione del sito web dedicato. Se oggi si passa alla fase operativa, altrettanto importante è stata la formazione dei volontari del Servizio Civile. In base alle loro esperienze, competenze e professionalità, i formatori hanno fornito ai ragazzi gli strumenti utili per poter operare nell’area della disabilità. A tenere gli incontri: Clemente Borrelli, Michele Selicati, Incaldana Maria Cattolico, Remo Varani, Silvia Capasso, Erica Simone, Miriam Jarrett, Ranucci Pasquale, Claudio Di Schino, Annunziata Vendittis, Elisabetta Corona. Particolarmente ricchi di spunti i moduli del corso di primo soccorso tenuti dalla Croce Rossa con le operatrici Sabrina Cassaro, Annamaria Califri, Yaroslava Gloria Kaschuck e quelli con la Protezione Civile tenutosi da Aldo Baia responsabile della Protezione Civile “La Fenice” di Gaeta. Enti Patners del progetto giunto alla sua ottava edizione: Cooperativa “Astrolabio”, Croce Rossa Italiana “Comitato Sud Pontino ODV”, “Oescmi”, “Sportello Informagiovani”, Istituto Comprensivo “G. Carducci”, “Consorzio Nestore”, “Consorzio Parsifal”, Associazione “Anteas”, “Nomina” s.r.l., Associazione “CE.PA.F. (centro per la famiglia)”, Fondazione “Don Cosimino Fronzuto Onlus”, Cooperativa “La Valle”.