contatore statistiche per siti
lunedì, 30 marzo 2020

Waltham, la piccola Castellonorato

 

 

Storie di famiglie, persone e valige. Storie di sogni, di emigrazione e di voglia di rinascita. Questa è la storia dei nostri nonni e bisnonni che hanno vissuto il fenomeno dell’emigrazione come protagonisti a differenza nostra che lo viviamo comodi, giudicanti ed un po razzisti dall’altro lato della barricata.

Di italiani ne è pieno il mondo e la ricostruzione di storie, legami, ricordi che legano questi uomini con la terra di origine è sempre uno scrigno stupendo da aprire.

Succede così in Massachusetts che in una città vicino Boston, di nome Waltham, circa 60000 abitanti a nord est degli Stati Uniti, si può girare in centro con la sensazione di essere in Via Capo la Terra a Castellonorato (oggi frazione di Formia).

La più classica delle storie di emigrazione. Un primo “pioniere” si trasferisce, si sistema e da ospitalità ad un’altro. Forse sarà la presenza di grandi industrie manifatturiere ed il bisogno di manodopera ma fatto sta che “l’altro” ne fa arrivare ancora altri e così via. Ed è così che oggi tra Waltham, ed in tutta la contea di Middlesex di cui fa parte, oltre che in tutti i dintorni di Boston sono presenti senz’altro più abitanti di origine di Castellonorato di quanti abitanti stessi faccia il piccolo Borgo oggi.

Tra i più gettonati i membri della famiglia DeMeo, ma nella zona potrete trovare senza problema i Caramanica, Tomao, Santillo (Santilli), Pecorini (Pecorino), Filosa, Tomao, DeMarco come pure i Cardillo e gli Zinicola. L’emigrazione in queste terre è tra quelle della prima ora. L’emigrazione cioè fatta tra fine 800 ed i primi decenni del 900.

Waltham si trova tra l’altro a dopo più di venti minuti di auto dalla gaetanissima Somerville, città che ha dato i natali tra gli altri anche all’ex Sindaco di Gaeta Antonio Raimondi.

La rivista “Money” nel 2017 ha giudicato Waltham tra i posti migliori in cui vivere in America, per qualità di vita ed opportunità lavorative. Sperando che i suoi abitanti possano sempre ricordare il loro paese ancestrale, auspichiamo che un legame più forte si possa stringere tra le due città, Formia e Waltham, suggellando quel gemellaggio naturale che le due realtà hanno per la storia dei suoi abitanti.

Daniele Elpidio Iadicicco
Ass. Terraurunca