5 consigli per risparmiare energia elettrica in casa

0
98
Photo by Fré Sonneveld on Unsplash

I consumi di energia elettrica possono talvolta rappresentare un problema, non solo durante la stagione invernale, ma anche durante l’estate: il riscaldamento o il raffrescamento può far aumentare notevolmente la bolletta. Ecco 5 consigli per risparmiare energia elettrica in casa senza inficiare sulla qualità della vita nell’ambiente domestico per godere di uno spazio caldo e accogliente durante i mesi più freddi e fresco durante l’estate.

Come risparmiare energia elettrica in casa

Nei mesi invernali ma anche in quelli più caldi è chiaro che i consumi possono aumentare. Ciò, come detto, può causare un considerevole incremento delle bollette e non è un caso che sia un problema comune a più famiglie. Ma come risparmiare energia elettrica in casa? Per raggiungere questo obiettivo bastano pochi e pratici accorgimenti. Si può iniziare anzitutto valutando quanto costa un kwh tutto compreso 2022 per rendersi conto e capire quando effettivamente è necessario accendere, per esempio, la luce. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

1. Lampadine a LED a basso consumo

Prima di ogni cosa, per risparmiare energia elettrica in casa è necessario sfruttare il più possibile la luce naturale. È ovvio che questo è un passaggio molto più semplice da fare in estate e in primavera, in quanto le giornate sono più lunghe. Mentre, in inverno è più difficile in quanto si hanno solo poche ore di luce a disposizione. In ogni caso, per ovviare al problema del rincaro delle bollette è bene sostituire le lampadine ad incandescenza con quelle a LED che sono a basso consumo energetico.

2. Elettrodomestici in classe energetica elevata

Al momento dell’acquisto di nuovi elettrodomestici è bene controllare la classe energetica. Infatti, quelli a partire dalla classe energetica A+, fino alla classe energetica A+++ favoriscono un grande risparmio energetico in casa. Quindi, per esempio, quando si sceglie una lavatrice è bene orientarsi verso la classe A+++ per avere un maggiore risparmio in bolletta.

3. Mantenere una temperatura stabile dentro casa

Sia in estate che in inverno è indispensabile utilizzare un termostato per mantenere una temperatura stabile all’interno dell’abitazione. Nel primo caso è bene che la differenza di temperatura non sia troppo alta tra interno ed esterno. Infatti, la temperatura interna consigliata in estate è di circa 26°C. Mentre, in inverno è bene regolare il termostato su una temperatura di 18-20°C.

4. Non lasciare gli elettrodomestici di casa in stand-by

Oltre a spegnere dopo ogni utilizzo pc, TV e radio è bene non lasciare questi elettrodomestici neppure in stand-by. Infatti, in questo caso si registra allo stesso modo un consumo di energia elettrica, seppur minimo. Stesso discorso vale per i trasformatori che si utilizzano per ricaricare i propri dispositivi che nonostante non siano collegati a nulla, continuano il loro consumo energetico. Il consiglio è quello di collegarli ad un’unica presa multipla dotata di un comodo interruttore on/off.

5. Utilizzare a pieno carico lavatrice e lavastoviglie

Anche se il proprio piano tariffario non prevede una specifica offerta serale, in genere è consigliabile utilizzare la lavatrice durante le ore serali e naturalmente a pieno carico. Ciò consente di ottenere un risparmio considerevole sui consumi. Inoltre, proprio come per la lavatrice, è bene anche azionare la lavastoviglie solo a pieno carico in modo da evitare inutili sprechi d’energia e di acqua.

Oggi risparmiare è fondamentale, dalle valvole termostatiche ai pannelli termoriflettenti, ognuno può fare la propria parte nel seguire e mettere in pratica utili accorgimenti per consumare di meno e risparmiare dentro casa.