Atti molesti e persecutori nei confronti di gestori di locali pubblici, Daspo Urbano per un uomo

La continua attività di monitoraggio dei fenomeni violenti commessi nei luoghi della movida e dei locali pubblici della Provincia ha consentito al Questore di Latina, dopo l’attenta valutazione degli atti, di emettere un DASPO Urbano nei confronti di un uomo residente a Castelforte (LT), che negli ultimi mesi si era reso responsabile di atti molesti, ingiurie e minacce nei confronti dei gestori di alcuni bar della zona.

Il provvedimento, notificato in data odierna, segue la proposta trasmessa dalla Stazione Carabinieri di Castelforte, che ricostruendo numerose condotte dell’uomo ed i  precedenti a carico dello stesso, ne hanno evidenziato la pericolosità sociale.

L’uomo infatti, in plurime occasioni, si era intrattenuto presso alcuni bar della zona del centro, consumando alcolici e ponendosi in modo molesto, provocatorio e minaccioso nei confronti dei relativi gestori, fino ad assumere toni particolarmente offensivi nei confronti della moglie del titolare di uno degli esercizi coinvolti, che si era sentita pronunciare frasi dal contenuto osceno ed aveva per questo denunciato il responsabile ai Carabinieri di Castelforte.

In un’altra occasione, presso un altro bar della zona, l’uomo con la sua autovettura aveva tentato di investirne il titolare, che nell’occasione era rimasto ferito.

Le numerose segnalazioni pervenute dai cittadini al 112 NUE che hanno visto protagonista l’uomo, sia per gli atteggiamenti posti in essere presso i locali pubblici  sia presso la propria abitazione, dove lo stesso era solito molestare i vicini e residenti in zona ascoltando la radio a volume elevato anche durante la notte, ovvero assumendo atteggiamenti molesti e provocatori, hanno determinato i Carabinieri ad inoltrare la proposta della Misura di prevenzione.

Il Questore, ricostruiti i fatti e valutati tutti gli elementi in ordine alla sua pericolosità ha quindi emesso il DASPO Urbano in via D’urgenza.

Scatta così il divieto, per il periodo compreso di  due anni, di frequentare locali pubblici o aperti al pubblico destinati alla somministrazione di alimenti e/o bevande quali pub, taverne, bar e ristoranti nonché locali di pubblico intrattenimento quali discoteche, locali notturni, locali da ballo, ed affini ricadenti nel centro del Comune di Castelforte.

In caso di violazione i destinatari rischiano la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa da 10.000 a 24.000 euro.