contatore statistiche per siti
martedì, 31 marzo 2020

Fenomeno di torbiditá, il Sindaco di Formia vieta l’uso dell’acqua a scopo potabile

 

 

FENOMENO DI TORBIDITA’ DELL’ACQUA NEL COMUNE DI FORMIA

IL SINDACO

VISTA la comunicazione prot. n. 5086 – pervenuta al protocollo generale il 26/01/2020-della società Acqualatina Spa con la quale il Gestore idrico comunica che le Sorgenti Mazzoccolo e Capodacqua, a causa delle forti piogge, sono interessate da fenomeni di torbidità;

CONSIDERATO che non è pervenuto alcuna comunicazione ufficiale da parte dell’Azienda Sanitaria Locale – ASL di Latina, per poter riscontrare con analisi chimiche quanto comunicato dal Gestore idrico;

DATO ATTO che tutto il territorio comunale di Formia è interessato da tale fenomeno di torbidità dell’acqua e che, dunque, si ritiene, in via cautelativa, necessario emettere apposito provvedimento di divieto di utilizzo dell’acqua corrente per usi umani;

VISTE le attribuzioni del Sindaco quale Autorità Sanitaria Locale ai sensi dell’art. 50, comma 4, del D. Lgs. n., 267/2000 e smi (Testo Unico degli Enti Locali);

VISTIil Testo unico in materia di Leggi Sanitarie, l’art. 50 V comma del D. Lgs n. 267/2000; il D. lgs 31/2001;

RITENUTA la propria competenza in merito;

ORDINA

IL DIVIETO in tutto il territorio del Comune di Formia, sino a nuova e diversa Ordinanza, dell’uso e consumo dell’acqua a scopo POTABILE, in particolare l’uso dell’acqua come bevanda e per la preparazione dei cibi.

All’ASL di Latinadi eseguire immediatamente le necessarie analisi chimiche e biologiche, necessarie a riscontrare i valori di torbidità dell’acqua e eventuale contaminazione batterica e a comunicarle tempestivamente.

INFORMA

che il presente atto sarà revocato non appena la Società Acqualatina Spa e l’ASL di Latina comunicheranno il rientro dei valori a norma di legge, per l’utilizzo dell’acqua a scopo potabile;

DISPONE

che il Gestore Idrico Acqualatina Spa metta in atto tutte le procedure necessarie ad affrontare il fenomeno della torbidità nel pieno rispetto della Carta del Servizio idrico Integrato e fino al rientro del fenomeno