contatore statistiche per siti
lunedì, 24 febbraio 2020

La pace vista dagli studenti di Formia

 

Per Stefania Borrelli e Lorenzo Macari un riconoscimento speciale ad Assisi

 

Anche quest’anno il Lions Club Formia ha organizzato negli istituti comprensivi di Formia P. Mattej e D. Alighieri il concorso “Un Poster per la Pace”, un appuntamento che si ripete da oltre un decennio e che permette agli studenti di esprimere attraverso la realizzazione di un elaborato grafico la propria visione di Pace.

Il tema di quest’anno è stato “ Il Cammino della Pace”.  I ragazzi sono chiamati a realizzare un poster che entra a far parte delle oltre 450.000 opere provenienti da tutto il mondo in questa edizione 2019-2020 sponsorizzata dal Lions Club International per sensibilizzare i giovani di ogni parte del mondo all’importanza della pace.

Il Lions Club Formia il giorno 24 gennaio presso la Sala Ribaud del Comune di Formia alla presenza di dirigenti scolastici, professori di arte e di tanti ragazzi accompagnati dai genitori, ha voluto premiare le due scuole formiane che hanno desiderato partecipare all’importante iniziativa.

Hanno ricevuto un attestato di partecipazione tutti i 110 studenti che hanno realizzato un elaborato mentre per i primi 3 posti e per quelli che hanno ottenuto un riconoscimento per merito ed originalità i premi sono stati anche di una medaglia e di un buono per una cover  personalizzata per cellulare gentilmente offerta dalla ditta Cover shop di Formia.

Il Presidente del Concorso  Past Presidente Lions Francesco Maiolino con la Presidente Isabella Quaranta e l’officer distrettuale Raffaella Mancuso hanno premiato quali vincitori,  per l’Istituto P. Mattej la studentessa Stefania Borrelli classe 2 E e per l’Istituto D. Alighieri lo studente Lorenzo Macari classe 2D.

Inoltre i disegni di Stefania Borrelli e Lorenzo Macari hanno ottenuto un riconoscimento anche a livello Distrettuale ed in data 3 maggio ad Assisi saranno ospiti del Governatore del Distretto 108L , Massimo Paggi, che premierà i due studenti formiani.

L’intera sala Ribaud ha applaudito tutti i ragazzi che hanno espresso, grazie alla grande creatività e capacità espressiva, la loro visione di pace.