Il mare è µn soggetto privilegiato dagli artisti di ieri e di oggi, sia per le sue infinite e profonde suggestioni, sia per essere sempre stato teatro di attività inscindibili dal percorso dell’uomo: è stato scenario di guerra, di conquista, di commercio, di indagine scientifica… e quindi ha ispirato opere che vanno dalla celebrazione pittorica di eventi politici e militari, ai documenti cartografici, agli oggetti votivi come gli ex voto marinari o i modelli di navi, alla rappresentazione dell’ambiente marino, all’ iconografia navale.
In ambito cartografico, il paesaggio litoraneo si ritrova nelle vedute di costa che, seppur finalizzate al riconoscimento del punto-nave da parte del navigante, raggiungono spesso i livelli artistici del vedutismo vero e proprio.

Le spedizioni idrografiche volte alla produzione di cartografia nautica, come anche le spedizioni di esplorazioneo di ricerca, imbarcavano disegnatori affiancati agli idrografi – preposti al lavoro tecnico – e ritraevano paesaggi, abitanti, prodotti della natura o dell’ingegno: al rientro in patria le loro opere andavano ad illustrare le relazioni scientifiche o la documentazione nautica.

Il 20 c.m. , il pluripremiato artista gaetano Mario Magnatti, riceverà a Roma, presso Palazzo Marina, ubicato sul Lungotevere Flaminio, la Nomina di Pittore Ufficiale di Marina.

Artista indiscusso, Mario ha iniziato a calpestare i podi nazionali e di tutto il mondo dal ’94, affermandosi come pittore, vignettista e soprattutto caricaturista, molto apprezzato nel settore. Tanto per citare uno dei suoi “recenti” e innumerevoli successi, è stato premiato presso la Camera dei Deputati di Roma, avendo ottenuto il gradino più alto del podio internazionale in un concorso sull’Unità d’Italia nel 2011, evento sponsorizzato all’epoca dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel 2015 ha vinto la manifestazione iridata di Gallarate, dedicata all’Expo, alla quale parteciparono più di 400 artisti da oltre 40 Paesi… tanto per capire lo spessore artistico di mariom. Oggi dunque ci ritroviamo a parlare ancora di lui, in quanto la Marina Militare Italiana, per benemerenza, gli riconosce questo ambito titolo, appartenuto in passato ai migliori artisti nazionali e d’oltre confine quali Rudolf CLAUDUS, Eduardo DE MARTINO, Anselmo BUCCI… tanto per citarne alcuni. Alla domanda come sia approdato anche a questo meraviglioso traguardo, mariom ha risposto che ha “semplicemente” posto in visione le sue opere agli addetti ai lavori della Forza Armata in questione, presso l’Ufficio Storico, ottenendone contestualmente successo apprezzamento e stima, da subito confermati con produzione di tele raffiguranti principalmente mezzi navali delle ultime due guerre e avendo già partecipato a diverse mostre nell’ultimo anno. Mercoledì quindi, con altri 5 rinomati artisti nazionali, riceverà il titolo dalle mani dell’Amm. E. Pacioni, quale Capo Ufficio della Pubblica Informazione e Comunicazione e dal CV. G. Allegrini, alla presenza delle più alte Cariche della Forza, presso la Biblioteca Centrale di Palazzo Marina, a conferma ancora una volta che la sua mano vale veramente oro.