I Cacciatori di Itri ancora in campo al fianco della Croce Rossa

0
35

Di Orazio Ruggieri

ITRI – Confermando la loro vocazione all’impegno sociale tramite donazioni periodiche, i cacciatori di Itri hanno scritto un’altra pagina di generosa disponibilità verso la Croce Rossa che, a Itri, sta facendo registrare un’azione di volontariato crescente e sempre più qualificato. Alla struttura coordinata dal responsabile Marco De Luca è stato donato un monitor multiparametrico che andrà a potenziare le prestazioni che la CRI è in grado di fornire nel soccorso con l’ambulanza da anni operativa a Itri. Ne dà notizia la stessa struttura di via dei Sugheri con una nota diramata dal responsabile De Luca “Durante lo scorso mese di novembre –si legge nella stessa- Silverio Sinapi, Presidente dell’Associazione Azienda Faunistico Venatoria “Fra Diavolo” di Itri, ha comunicato l’intenzione di destinare parte dei proventi dell’ultima Festa del Cinghiale alla Croce Rossa Italiana. Un prezioso gesto verso la collettività non nuovo da parte dei “cacciatori” dell’ente. Il sottoscritto (Marco De Luca, n.d.r), al fine conferire tangibile concretezza all’iniziativa benefica, ha proposto la donazione di un monitor multiparametrico da utilizzarsi a bordo della nostra ambulanza, la cui dotazione renderà possibile il trasporto di una più ampia categoria di pazienti, anche per lunghe percorrenze. Il moderno apparecchio elettromedicale monitorizza, appunto, in tempo reale, i fondamentali parametri vitali attraverso l’applicazione di sensori sul corpo dell’interessato, come ad esempio, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, pressione arteriosa, percentuale di ossigeno nel sangue e temperatura con possibilità di stampare e memorizzare i dati raccolti. Questo presidio, sottolineiamo, riveste fondamentale importanza anche in occasione di assistenze sanitarie, manifestazioni sportive, culturali ed eventi in genere durante i quali siamo impegnati, anche gratuitamente. Il nostro personale medico, ad esempio, potrà contare, subito e sul posto, su un precoce elettrocardiogramma, potendo intervenire proficuamente anche in situazioni critiche, prima non diagnosticabili. L’Associazione Fra Diavolo-conclude il comunicato della CRI- ha quindi donato al nostro Comitato 850,00 €uro, somma interamente già spesa per l’apparecchiatura attualmente installata e regolarmente funzionante”.

Nella foto: il responsabile della CRI, Marco De Luca, e Silverio Sinapi, presidente dell’Azienda Faunistica “Fra’ Diavolo”.