Due importanti delibere sono state adottate questa mattina dalla Giunta comunale di Itri.

Con la numero 43, è stato rinviato il termine di versamento della prima rata dell’IMU dal 16 giugno 2020 al 16 settembre 2020, senza che siano dovuti per questo sanzioni e interessi.

Una misura che cerca di mitigare, seppur parzialmente, le difficoltà finanziarie che le famiglie e gli imprenditori stanno tuttora incontrando a causa dell’ emergenza provocata dal Covid 19.

Con la delibera numero 44, è stato invece recepito quanto previsto dall’articolo 181 del“Decreto rilancio” – D. L. 34 del 19 maggio 2020” in relazione all’applicazione della Tosap prevedendo l’esonero del pagamento dal 1° maggio 2020 fino al 31 ottobre 2020.

Una misura largamente attesa dagli operatori commerciali itrani. “L’iniziativa intrapresa dall’amministrazione comunale – spiega il Sindaco Fargiorgio – va oltre la disposizione statale, prevedendo l’esonero dal versamento anche per le imprese artigiane della ristorazione, stranamente invece escluse dal provvedimento nazionale.

Questa è la prima delle iniziative, insieme ad altre che stiamo definendo, da noi pensate a sostegno delle attività commerciali. Riteniamo fondamentale sfruttare tutte le opportunità ed adottare tutte le iniziative che possano supportare finanziariamente le famiglie e gli imprenditori in una situazione che non ha precedenti in termini di coinvolgimento dell’intera collettività mondiale e dai risvolti economici le cui conseguenze, ne siamo consapevoli, verranno riassorbite lentamente e con difficoltà”.