contatore statistiche per siti
lunedì, 24 febbraio 2020

Legge di Stabilità regionale, Pernarella (M5S): “Le proposte accolte nel bilancio”

 

 
Un bilancio che la maggioranza regionale ha blindato con un maxi emendamento, da cui avremmo voluto ottenere di più e su cui poco o nulla si è potuto discutere ma in cui, nonostante questo, viene riconosciuta la bontà delle nostre battaglie e riusciamo a centrare alcuni degli obiettivi che ci eravamo prefissati”. Così Gaia Pernarella, consigliere M5S Lazio, commenta la Legge di Stabilità regionale appena approvata. “Oltre ad aver fatto inserire nell’articolato della Legge, così come richiesto dai portavoce comunali M5S della provincia di Latina, la riqualificazione dei siti industriali dismessi tra quelli dove la Regione promuove misure per lo sviluppo economico e l’attrattività territoriale degli investimenti, sul piano finanziario è stata accolta la nostra proposta, seppure per soli 500 mila euro, per finanziare finalmente la Legge del Movimento 5 Stelle Lazio, primo firmatario il consigliere Davide Barillari, che quattro anni fa ha portato all’istituzione del Registro Tumori della Regione Lazio. Settecentocinquatamila euro, inoltre, spalmati sugli anni 2020 – 2021 – 2022, andranno a incrementare il fondo per l’eliminazione delle di barriere architettoniche in edifici privati dove però risiedono persone disabili”. Per quanto riguarda poi la provincia di Latina, spiega la Consigliera 5 Stelle, “Siamo riusciti a far rifinanziare con cinquecentomila euro sugli anni dal 2020 al 2022 la presenza di due squadre dei Vigili del Fuoco sulle isole di Ponza e Ventotene nei mesi di Luglio e Agosto, quando è massimo l’afflusso di turisti in quei luoghi. Infine, e grazie alla volontà di tutti i Consiglieri regionali del territorio pontino che hanno sottoscritto l’emendamento, oltre che alla sensibilità dell’Assessore Enrica Onorati, la Regione finanzierà per i prossimi tre anni con centomila euro su ogni anno la lotta al fungo patogeno che sta devastando da quasi un decennio la sughereta di San Vito a Monte San Biagio”.