Anna Maria Tufano riconfermata presidente. Al congresso consegnate le spighe di bronzo

Sono state rinnovate le cariche dell’Unione Sportiva Acli, riunita in congresso lo scorso 20 gennaio al Park Hotel di Latina. Un pomeriggio intenso concluso con un elegante cena, dove si sono alternati gli interventi di ospiti  e quadri dirigenziali che hanno poi provveduto all’elezione delle nuove cariche. 

Centrale il saluto del presidente uscente, riconfermato, Anna Maria Tufano. “Il momento che viviamo è particolarmente pesante – ha spiegato Tufano ai presenti –. Alla crisi economica che ormai da anni colpisce tutti a partire dalle fasce più deboli e indifese, si accompagna oggi una profonda crisi di valori, una crescente difficoltà di rapporti comunitari, un arretramento della capacità di accoglienza e di convivenza civile. A noi che operiamo nello sport non sfugge il ruolo che esso può svolgere in un contesto così difficile come l’attuale. Per questo lo sport che vogliamo – ha ricordato il presidente citando il titolo dato al congresso “Lo sport che vogliamo: uno sport al passo con i tempi” –  è uno sport che vuole essere al passo con i tempi: dinamico, intraprendente, propositivo, in costante evoluzione ma che continua a rendere tangibile la grande sfida sociale ed educativa che nello sport e attraverso lo sport, l’Us Acli porta avanti da sempre”.


Tante le attività e i progetti realizzati nei quattro anni della gestione targata Anna Maria Tufano . Nel 2013 l’Us Acli ha organizzato la fase finale di Sport in Tour, manifestazione che a coinvolto 14 discipline sportive in quattro giorni, prevedendo tornei sportivi, degustazioni di prodotti tipici, serate musicali e uno stage formativo di pallavolo. L’anno successivo è da ricordare per il divertente Flash Mob realizzato in collaborazione con la scuola Riflessi di Danza che ha fatto ballare tutti di fronte al Comune di Latina, la partecipazione allo Sport in Tour 2014 di San Vincenzo e l’organizzazione del torneo di basket giovanile Olim Palus. Intenso il 2015, con una nuova edizione di Olim Palus , la presenza a Sport in Tour a Grottammare e l’organizzazione della rassegna di danza presso il Teatro Moderno di Latina con la partecipazione di sei scuole di danza e oltre 100 allievi. Il 2016 ha riportato lo sport in tour a Grottammare e ha visto l’Us Acli della provincia di Latina promotrice del Triathlon Sprint a Sezze, del torneo dei sei cantoni a Borgo Podgora e dei corsi per istruttori e personal fitness trainer riconosciuto dal Coni. 

Nel corso del congresso sono poi state assegnate le spighe di bronzo, l’onorificenza che l’us Acli concede a chi si è distinto, nell’ultimo anno, all’interno dell’organizzazione. Ad essere stati insigniti sono stati Maurizio Scarsella, Nicola Tavoletta, Clemente Reali, Giuseppe Pecchia, Italo Marchetti, Giulio Ciufferi “per la loro dedizione e il lavoro che svolgono tutti i giorni sul territorio al servizio del cittadino offrendo passione ed esperienza”.


Questi invece i nuovi componenti del consiglio provinciale che sarà guidato da Anna Maria Tufano per altri quattro anni: Giulio Ciufferi, Giulio De Filippis, Salvatore Grecco, Fabio Guttoriello, Roberta Longo, Valentina Lo Stocco, Italo Marchetti, Giuseppe Paris, Giuseppe Pecchia, Clemente Reali, Gessica Salvucci, Savino Scaringella, Luca Tufano.  Faranno parte della commissione tecnica, invece, Giovanni De Robertis, Francesco Paris e Martina Spinaci.

Quattro, infine, i pilastri  da cui si snoderanno le attività dell’Unione sportiva per i prossimi quattro anni. Centrale sarà ovviamente il ruolo delle attività sportive. “Sarà necessario che presidenza e comitato uscenti dal congresso investano sulle società sportive, curino costantemente il rapporto con i loro dirigenti e operatori, ne promuovano la formazione anche con strumenti online, sostengano i loro progetti specifici, li sollecitino a mettersi in rete e ad attivare collaborazioni tra si loro e/o con organi regionali e nazionali” ha spiegato Anna Maria Tufano.  Le Us Acli puntano a diventare anche un laboratorio di promozione sociale, creando un percorso  privilegiato per l’integrazione di persone con disabilità. Da incentivare sarà anche il rapporto con le istituzioni e con le associazioni del territorio quali importanti interlocutori delle iniziative dell’associazione, accrescendone l’impatto e la visibilità sociale. Il marchio distintivo di questa nuova stagione dovrà infine essere quello della credibilità. “Credibilità per essere visibili – ha spiegato Tufano –. Essere visibili e richiamare attenzione significa sapere sempre cosa comunicare e a chi intendiamo rivolgersi”.