contatore statistiche per siti
domenica, 15 dicembre 2019

‘economicamente metti in conto il tuo futuro’ all’Istituto Fermi-Filangeri di Formia

 

 

L’entusiasmo degli studenti che hanno partecipato con grande interesse e un parterre di relatori di qualità sono stati i due elementi che, ben legati tra loro, hanno contribuito al successo del convegno dal titolo ‘‘economic@mente metti in conto il tuo futuro’, organizzato dalla responsabile provinciale della progettualità della provincia di Latina Anasf (Associazione nazionale dei consulenti finanziari), nonché consigliera regionale Anasf, consulente finanziaria e formatrice del progetto e componente del direttivo Terziario donna Confcommecio Lazio Sud Paola Di Pietro, con il patrocinio di Confcommercio Lazio e Confcommercio Lazio Sud, i Comuni di Formia e Gaeta. L’iniziativa che si è svolta all’interno dell’aula magna dell’IIS Fermi – Filangeri di Formia (Martedì 3 dicembre) ha trovato nella dirigente scolastica Rossella Monti pieno sostegno e oltre agli studenti, ha coinvolto i Sindaci e i Dirigenti scolastici dei comuni e degli istituti scolastici di Gaeta, Minturno e Formia. L’obiettivo del progetto pienamente raggiunto, è quello di indirizzare i ragazzi ad avere maggiore consapevolezza che solo attraverso la formazione è possibile pensare a un futuro fondato su obiettivi e aspettative. 

Il convegno aperto, con un breve saluto dalla dirigente scolastica Rossella Monti che ha sottolineato la validità del progetto e dell’importanza delle conoscenze e della formazione continua quale risposta migliore al mondo del lavoro in continuo cambiamento. A seguire l’intervento del delegato alle Politiche giovanile del comune di Minturno Matteo Mattoccio, che prima di lasciare la parola all’organizzatrice Paola Di Pietro, ha puntato sull’importanza della conoscenza per progettare il proprio futuro. Alla responsabile provinciale della progettualità della provincia di Latina Anasf e dell’iniziativa Paola Di Pietro, il compito invece di entrare nel merito del tema del convegno. La Di Pietro ha parlato di progettualità, formazione e pianificazione delle competenze come strumenti da utilizzare per nuove opportunità lavorative. “Il progetto di caratura nazionale – ha affermato – vuole essere uno stimolo per gli studenti, un punto da cui partire per iniziare a pensare in modo consapevole al proprio futuro, seguendo ragionamenti come la conoscenza del mondo finanziario e capacità di risparmio, che rappresentano modelli di sviluppo per iniziare a guardare oltre il quotidiano. I ragazzi non devono mai fermarsi. Devono visualizzare i propri sogni e iniziare e dare valore alla pianificazione, al valore del denaro e al comportamento”. Ha, poi, letto una lettera inviata dalla consigliere regionale alle Pari Opportunità Valentina Cardinali che ha evidenziato il problema della disumanizzazione di genere e quindi delle differenze che esistono nel mondo del lavoro, legate anche alle diverse conoscenze.

Il presidente di Confcommercio Lazio Giovanni Acampora rivolgendosi direttamente ai ragazzi, dopo aver ringraziato la scuola che ha ospitato l’evento e gli organizzatori del progetto ha affermato: “La conoscenza rende più forti, così come la formazione scolastica, specialistica vi permettere di essere più consapevoli nelle scelte legate al vostro futuro. Vi rende liberi. Andate oltre le vostre paure e studiate, pianificate e formatevi”. 

La pedagogista Stefania Valerio ha parlato della violenza psicologica economica e quindi della necessità di educare alla conoscenza per contrastarla. “La violenza di genere – ha detto è una forma di violenza”.

Presenti all’incontro anche il vice sindaco e assessore alla Cultura del comune di Formia Carmina Trillino che ha ringraziato la scuola per l’opportunità offerta agli studenti e ha affermato: “La conoscenza apre la mente, tante le risorse nel nostro territorio che vanno valorizzate” e l’assessore alle Politiche Giovanili e Istituzionali del comune di Gaeta Lucia Maltempo che ha invitato i ragazzi a formarsi e soprattutto li ha spinti a seguire i propri sogni: “La scelta lavorativa deve essere coerente con i propri sogni”.