Il giorno 8 febbraio alle ore 17.00, nei pressi dei locali del Caffè letterario Tempo prezioso, nell’ambito della Giornata della memoria, si terrà a Formia l’incontro culturale “Io che conosco il tuo cuore”.
Hanno organizzato l’iniziativa le Associazioni Otreconfini, Solidarietà e Progresso, La Barba di Giove.
Sarà ospite ADELMO CERVI, figlio di Aldo  uno dei sette FRATELLI CERVI, fucilati dai FASCISTI nel 1943, e autore del libro “Io che conosco il tuo cuore”.
A moderare Angelo CIOETA, dell’associazione Oltreconfini.
L’occasione sembra interessante per poter ricordare un pezzo di storia importante del 900 e svolgere insieme una riflessione.
La storia dei fratelli Cervi, celebrata da tanta parte della cultura italiana, sabato è raccontata da uno di loro – Adelmo Cervi- figlio di Aldo, il maggiore dei sette fratelli fucilati solo perché oppositori del regime fascista.
In un momento storico in cui più di altri sorge forte l’esigenza di riannodare i fili della storia e tenere vivo il ricordo e la memoria di un passato che ha depositato devastazioni e drammi ma anche valori e principi fondamentali, Adelmo propone una storia – la storia della sua famiglia – che richiama alla realtà di come era il nostro Paese solo 70 anni fa e di come non vogliamo che torni mai più.
Un racconto che vale la pena di ascoltare, quello di una famiglia dell’Italia antifascista che ha fatto un pezzo della storia democratica del nostro Paese.

Parteciperanno all’incontro con una loro rappresentanza ed un loro intervento: Anpi, CGIL , UDI Monteverde, Comunità del Lazio merid. e delle isole pontine. L’organizzazione è a cura di Antonio Scarsella (Associazione Solidarietà e Progresso) e di Maria
Rita Manzo e Beniamino Gallinaro (Associazione Barba di Giove).