contatore statistiche per siti
lunedì, 19 agosto 2019

Il Parco Monti Ausoni dà libero accesso al Mastio del Castello Caetani di Fondi

 

Vi si accede dal “passetto del conte” e ospiterà una importante mostra e la copia della celebre testa di Ulisse fino al 15 settembre 2019

 
Il Parco Monti Ausoni ha riorganizzato il percorso della visita al Palazzo Caetani che includerà per la prima volta, dopo secoli di oblio, di poter ammirare la suggestiva sala del primo piano del Mastio del Castello.
E in coincidenza dell’evento della “Notte bianca”, in programma per lunedì 12 agosto 2019 sera a Fondi LT, l’Ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi inaugura e pone al libero accesso dei visitatori il primo piano del Castello Mastio Caetani.
Questo è stato reso possibile dai lavori tesi alla pulitura e alla sicurezza degli ambienti, condotti e realizzati proprio per permettere a tutti di poter accedere nella parte simbolo della Città di Fondi.
L’azione rientra nelle iniziative promosse dalla Regione Lazio nell’ambito dell’Estate delle Meraviglie.
Imponente con i suoi 33 metri di altezza, il Castello rappresenta uno dei rari esempi in tutta Europa di fortezza costruita in pianura.
La costruzione si fa risalire al 1319, insieme con la ristrutturazione della cinta muraria della città realizzata da Roffredo III Caetani che voleva farne il centro della sua signoria.
Nel 1504 il ducato passò ai Colonna e poi ai Gonzaga. La contessa Giulia Gonzaga, vedova di Vespasiano Colonna conte di Fondi, fece del palazzo un importante ritrovo culturale tanto che Fondi diventò “la piccola Atene”.
Negli ambienti vi si accede attraverso il cosiddetto “passetto del conte” che unisce il Palazzo e il Castello. La fortezza veniva utilizzata dal Conte Onorato II Caetani come vero e proprio forziere, dove conservava denaro, preziosi e titoli.
Gli ambienti ospiteranno, fino al 15 settembre 2019, mostre di oggetti d’arte in ceramica e pietra realizzati da artisti locali e la copia della celebre testa di Ulisse, messa a disposizione dalla famiglia De Filippis Leone.