contatore statistiche per siti
venerdì, 22 novembre 2019

L’adozione a scuola: l’entusiasmo dei ragazzi dell’istituto Carducci

 

 

Si è svolto questa mattina presso l’Istituto Comprensivo “ G.Carducci” di Gaeta un altro incontro di preparazione al concorso -L’Adozione tra i banchi di scuola- promosso dall’Associazione nazionale Italiadozioni .

Il concorso, giunto ormai alla sua V edizione, vuole coinvolgere le scuole di tutta Italia a conoscere, approfondire e lavorare sul tema dell’adozione.

Anche gli istituti scolastici di Gaeta partecipano a quest’iniziativa su proposta dello Sportello per le Adozioni Internazionali – Erensto- del Comune di Gaeta che sta promuovendo degli incontri di preparazione al concorso: giornate di approfondimento con l’aiuto dei volontari, degli insegnanti e dei testimonial.

I ragazzi della I C dell’Istituto Carducci, magistralmente guidati dalla Prof.ssa Alessandra Buonocore, hanno visto insieme un video – L’adozione di Tiago- nel quale il ragazzo (Tiago) risponde sul canale youtube alle domande dei suoi coetanei sulla sua storia adottiva.

Hanno poi letto alcuni articoli e racconti e preparato delle domande da porre alla sig.ra Roberta Beneduce, mamma di cuore, come amano definirsi le mamme adottive, che hanno incontrato oggi nell’aula magna della scuola.

Roberta, che era già stata protagonista di un incontro presso l’Istituto Milani di Maranola, è stata letteralmente travolta dalle continue domande degli studenti. Tanta curiosità nel capire il perché di questa scelta, il suo viaggio in Africa, ma anche tanto entusiasmo nel vedere le foto di quel bambino adottato ad appena 18 mesi che oggi, a 14 anni sogna di diventare un rapper.

All’incontro ha partecipato anche il Consigliere –Presidente della Commissione Cultura e benessere sociale del Comune di Gaeta – dott.ssa Gianna Conte : “ Per la prima volta si parla di adozione a scuola, e se ne parla apertamente, senza pregiudizi né ombre. E’ stata una grande soddisfazione vedere gli studenti così partecipi, attenti, emozionati e coinvolti nel racconto della sig.ra Roberta.
Questo ci dà lo slancio per continuare in questo progetto dedicato al tema dell’adozione”.