contatore statistiche per siti
sabato, 22 settembre 2018

“Parliamone Ancora”, il successo del “passaparola” di Palma Lavecchia

 

 

20140807-155314-57194951.jpgRiuscire ad entrare nel cuore nel lettore, rapendolo dal mondo reale creando in esso una reale attrazione da una storia, rappresenta l’eldorado di ogni scrittore.
Parliamone Ancora” è un romanzo profondamente coinvolgente, sino a toccare nel profondo l’animo del lettore: le difficoltà relazionali di una madre con la sua figlia, costretta a vivere una vita diversa da quella che avrebbe voluto, tanto da arrivare ad ignorarla e a non condividere più le mura domestiche seppur vivendo a pochi metri una dall’altra, ma entrambe legate da un forte patto d’amore.
Un grande successo per Palma Lavecchia, che alla suo primo romanzo è riuscita ad far breccia nel cuore dei lettori. “Più di un lettore sostiene che “Parliamone Ancora” – afferma la scrittrice – crei dipendenza. La mia speranza è che, se proprio devono, quantomeno lo annoverino tra le droghe…più che leggere, direi ‘da leggere’“.
Una storia con un inaspettato colpo di scena che cambia vertiginosamente il verso del romanzo, sottolineando quanto sia grande ed inesplorata la parola “Amore“.

20140807-155347-57227521.jpgPalma Lavecchia presenterà il suo libro venerdì 8 Agosto , alle ore 18.00, presso il lido “La Nave di Serapo”, e domenica 10 Agosto, alle 19.00, sulla terrazza del ristorante “La Garitta” alla Montagna Spaccata, in compagnia della relatrice Lucia Maltempo.
La prefazione al manoscritto, a cui sono stati anche riconosciuti più patrocini morali – Provincia di BAT (Barletta-Andria-Trani), Provincia di Latina, Comune di Barletta, Comune di Cassino, Comune di Montella, Comune di Lanciano, Comune di Gaeta, è a cura di Alessandro Meluzzi, noto psichiatra e opinionista nonché volto televisivo. La nuova edizione di “Parliamone Ancora” è acquistabile non solo sui maggiori rivenditori online, ma anche in circa 4000 librerie sparse su tutto il territorio nazionale.
Per Marzo 2015 è atteso il secondo romanzo di Palma Lavecchia , “Mi chiamo Beba”, di Infinito Edizioni, che tratta il delicato tema della violenza tra le mura domestiche.