Clima, Lombardi:”A Ventotene prima comunità energetica Lazio”

0
283
Immagine dal sito del Comune di Ventotene

“La prossima settimana, insieme al Sindaco di Ventotene, ad alcuni cittadini dell’isola e con il supporto dell’Università La Sapienza e di un gruppo di giovani ingegneri premiati dalla Regione Lazio con il bando VITAMINA-G per il supporto alla nuova imprenditoria, daremo vita alla prima Comunità Energetica Rinnovabile del Lazio“.

Così Roberta Lombardi, assessora alla Transizione Ecologica e alla Trasformazione Digitale della Regione Lazio, durante un evento on line del Festival dello Sviluppo Sostenibile, annuncia la firma dell’atto costitutivo della prima Comunità energetica del Lazio, prevista venerdì 8 ottobre.

“La Comunità Energetica Rinnovabile Ventotene, che nascerà come associazione aperta della cittadinanza e con il diretto coinvolgimento del Comune, è un esempio virtuoso di coinvolgimento della comunità locale in un’iniziativa che ha come scopo primario quello di creare benefici ambientali per l’isola- spiega Lombardi- Gli attori principali della comunità energetica sono: gli operatori locali del settore turismo, che sono pronti ad investire loro risorse per l’installazione di impianti di produzione di energia alimentati da fonti rinnovabili, principalmente fotovoltaico e con un occhio rivolto anche a soluzioni innovative per il minieolico; l’Università La Sapienza, che grazie al lavoro di un gruppo di giovani ingegneri ha fornito il supporto tecnico per lo studio del fabbisogno energetico e per la progettazione dell’impiantistica; la sede locale della Lega Navale che ha fornito supporto per le attività di formazione legate alla creazione della comunità energetica; il Sindaco e la Giunta Comunale, che hanno supportato la creazione della Comunità Energetica dal punto di vista amministrativo, e hanno dato credibilità e autorevolezza al progetto. Venerdì 8 ottobre, da Ventotene spiegheremo inoltre come stiamo cercando di replicare questo esempio virtuoso anche nel resto del Lazio“, conclude Lombardi.