contatore accessi
Home Gaeta Cronaca Donna di Gaeta trovata in possesso di 700 gr di droga rimessa...

Donna di Gaeta trovata in possesso di 700 gr di droga rimessa in libertà

0
460

Si è celebrata nella tarda mattinata odierna l’udienza di convalida dell’arresto a carico di F.S., trovata in possesso di oltre 350 grammi di marijuana e 140 grammi di hashish, per un complessivo peso, comprendente altre influorescenze, di circa 700 grammi.

La giovane donna, sentita dal G.I.P. del Tribunale di Cassino, Dott. Claudio Marcopido, si è difesa asserendo che la sostanza, pur a dispetto del quantitativo, era per suo uso personale, la cui assunzione costante necessitava per via di una patologia fortemente invalidante della quale soffre, ed a tal fine si giustifica anche la presenza nelle pertinenze dell’abitazione dell’indagata dei due bilancini di precisione rinvenuti dai Carabinieri della stazione di Gaeta.

I difensori dell’indagata, gli avvocati Vincenzo Macari e Matteo Macari, hanno anche prodotto copiosa documentazione medica che ha documentato lo stato patologico fortemente invalidante effettivamente sofferto dall’indagata, oltre a documentazione patrimoniale e reddituale che sconfessa con certezza ogni necessità e possibilità di spaccio a terzi della sostanza rinvenuta, la quale costituiva nulla più che una scorta volta nel tempo a lenire i dolori correlati alla sua patologia.

“In merito all’attività di spaccio, che presumibilmente secondo la pubblica accusa l’odierna arrestata avrebbe messo in atto – si legge nel provvedimento del G.I.P. dott. Marcopido – si deve necessariamente rilevare che dalle emergenze e dalla documentazione a disposizione di questo Giudice, a contrariis, non vi è il fumus di una possibile attività professionale di spaccio dello stupefacente. La situazione economico finanziaria della F., come da documentazione in atti, non fanno presagire una necessità lucrativa e quindi abituale attività di spaio dello stupefacente in capo all’odierna arrestata. La circostanza della presenza, seppur in separato appartamento, di bilancini è stata corroborata dalla circostanza che la F. possiede una nutrita colonia felina, e l’utilizzo dei suddetti strumenti di pesatura gli è necessario per la corretta somministrazione del latte ai gattini”

Il P.M. Dott. De Franco aveva chiesto la convalida dell’arresto e la misura degli arresti domiciliari, stante il notevole quantitativo rinvenuto dagli operanti, alla quale i difensori, proprio forti del carteggio offerto all’attenzione del G.I.P., si sono opposti chiedendo comunque la remissione in libertà dell’indagata.

Il G.I.P. a scioglimento della riserva, in esito all’analisi della documentazione offerta alla attenzione ed a quanto rappresentato a sua difesa dall’indagata, in risposta alla richiesta di misura avanzata dal P.M., ha convalidato l’arresto operato dalla P.G., ma ha rimesso in libertà l’indagata, disponendo a suo carico unicamente un obbligo di firma alla P.G. nei giorni del lunedì e venerdì.