Formia, L’associazione culturale il Setaccio di Maranola, scende a fianco di Telethon e contribuisce alla lotta contro le malattie genetiche.

0
333

Domenica 30 novembre, presso il Villaggio Don Bosco, subito dopo la Santa Messa serale, la compagnia porta in scena “La Cantina di Federico Filosa”.
La brillante commedia, è composta di un solo atto, per l’adattamento e la regia del professore Antonio Forte ed è ambientata a Trivio, in piazza Sant’Andrea, in epoca risorgimentale, ai tempi del Sindaco Carlo Filosa, quando è in atto una diatriba tra i due borghi aurunchi di Trivio e Maranola.
In questa cornice si svolgono le vicende di Federico e Teresa (due giovani che per poco evitano l’incesto), Carmela (una ricca giovane partenopea alla ricerca del giovane che l’ha sedotta e abbandonata), Ntonio (il carbonaro dedito al vino, sempre pronto ad essere riportato sulla retta via da sua moglie e dal suo giovane figlio), Don Domenico (nobile locale con non pochi segreti) e di tutta la sua famiglia.
Siamo orgogliosi di essere stati coinvolti, ancora una volta, in un tale evento – dichiara il professore Antonio Forte (direttore artistico della compagnia) che aggiunge – è sempre una gioia contribuire in qualunque modo e con entusiasmo ad azioni volte alla solidarietà. E’ proprio grazie alla generosità di molti italiani se si sono fatti passi avanti nella ricerca su malattie genetiche. Anche una piccola donazione può permettere di studiare e trovare una cura per malattie che fino a qualche hanno fa erano incurabili, dando in questo modo una speranza di vita a chi prima non ne aveva”.
La giornata comincia alle ore 13 con il pranzo di beneficenza organizzato da Telethon in collaborazione con l’associaizone Salesiani Cooperatori e il gruppo spontaneo pro telethonAILU. Per prenotarsi rivolgersi al Sig Antonio Guariglia (340-7934841).
Durante la giornata, inoltre, verrà allestito un banchetto con alcuni prodotti Telethon e sarà presente il Coordinatore Provinciale Telethon Latina Sud, nonché Presidente A.I.L.U. Erasmo Di Nucci.