Il rito del caffè ai tempi del Covid. A tu per tu con i bar di Gaeta

0
1070

Fase 1, fase 2, fase 3, finalmente caffè! Il caffè e la colazione al bar per molti italiani è un rito quotidiano irrinunciabile.

Ovviamente la quarantena ha costretto tutti a tirar fuori le moka dalle credenze o usare le più moderne macchine per farsi un buon caffè che, però, nella maggior parte dei casi non è riuscito a sostituire il piacere di berlo “espresso” al bancone del bar.

Il caffè è la bevanda nazionale degli italiani, è una tradizione ed è quasi per tutti irrinunciabile.

Siamo andati a trovare alcuni storici bar di Gaeta per capire come hanno affrontato il periodo di lockdown e come sono ripartiti.

Disinfettare le mani, rispettare le distanze di sicurezza, indossare la mascherina, entrate contingentate e posti limitati. Sono queste alcune delle regole da rispettare all’interno dei bar che, a partire dal 18 maggio, hanno riaperto al pubblico dopo mesi di lockdown.

Senza ombra di dubbio qualcosa è cambiato, il virus ci condiziona, ma rispettando delle semplici regole si può ripartire e si possono riprendere le vecchie abitudini.

La paura, secondo gli intervistati, al momento sembra ancora predominare e condizionare le abitudini dei clienti nonostante tutti i locali seguano le indicazioni del caso.

Intervista a Osvaldo Lisi e Salvatore Zamberti – Brio Bar, Gaeta

Noi non abbiamo aperto la prima settimana- spiegano Osvaldo e Salvatore di Brio Bar– ove era consentito l’asporto, ma abbiamo pensato piuttosto a pulire e sanificare, e poi abbiamo aperto con una lentezza incredibile e esasperante, entrava una persona ogni ora, la gente aveva perso l’abitudine, era molto difficile tornare alle abitudini pre-Covid, la paura ci sta!

Intervista a Diego Santoro – Caffè Cavour, Gaeta

Il Codacons ha parlato di aumenti nel nostro settore, personalmente non ho aumentato nulla, anzi gli aumenti li ho subiti, comunque penso che non è il momento di portare degli aumenti al consumatore finale“, così Diego Santoro titolare del Caffè Cavour.

Intervista a Barbara Bazzanti – Bar Bazzanti, Gaeta

Speriamo che con l’apertura delle Regioni il quartiere Medievale si ripopoli, in quanto molto abitato da persone di Caserta, Napoli e provincia che ogni mattina vengono al Bar Bazzanti, il bar di famiglia, a fare colazione prima di andare al mare, garantendoci un lavoro costante e non è poco“, spiega Barbara Bazzanti dell’omonimo bar.