“Uno squillo per Joséphine”: Emanuela Esposito Amato prosegue la saga avvincente della restauratrice italo-francese

0
556

Casa Editrice: Guida Editori
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 322
Prezzo: 14,00 €

“Uno squillo per Joséphine” è il seguito dell’avvincente storia “Il diario segreto di Madame B.” che vede come protagonista un’abile restauratrice italo-francese, dal passato travagliato e un’indole introversa. È immediata la simpatia che suscita questa eroina, che come una “Bridget Jones” della seconda metà del Terzo Millennio, inciampa, se emozionata, impallidisce se attaccata e trattiene a stento le emozioni: una Cenerentola contemporanea, che riprende in mano le tessere della propria vita, decisa a realizzare i propri sogni. Complementare ma opposto è suo marito Massimiliano, compassato architetto, che rifugge dal conflitto e dalle emozioni, succube di una madre dalla personalità forte, che come una burattinaia invisibile, orchestra la loro vita matrimoniale.

E Joséphine, riuscirà ad evadere da questo giogo psicologico, non senza mettere a rischio il proprio equilibrio psichico e il proprio matrimonio. Fanno parte della sua vita, anche la socia e amica Domitilla, fragile donna affetta da disturbi alimentari e relazionali; sua cognata Cecilia in arte Shanna, una report free-lance, dalla doppia vita e Roberto Russo in arte Loris Passion, un gigolò che si rivolge a Joséphine, per acquistare un mobile pregiato e svolgerà un ruolo chiave, nel salvare il suo matrimonio dal naufragio. E infine, sua suocera Amalia e la terribile amica Claudia, con sua figlia Lucrezia, a seguito, un’ex ballerina, che insidia Massilimiano. «La vecchia volpe è riuscita a scovare un account che si occupa delle installazioni artistiche contemporanee. E lì ci sono scatti di molte influencer che presentano i lavori in concorso, tra le quali spicca Lucrezia in mille pose, sorrisi o viso serio e intellettuale, che fa da testimonial all’opera di mio marito. I due non sono mai insieme. Per precauzione o perché la star doveva dominare la scena da sola? “Comunque, Domi, quale sia la situazione, lo sanno solo loro. Ma ti devo ringraziare. A questo punto entra in ballo un elemento che non avevo previsto. E questo farà sicuramente parte dello scontro che avrò con mio marito”».

Un finale imprevisto, stravolgerà l’intreccio, assicurando al lettore, suspense e divertimento, senza deluderne le aspettative. «E soltanto quando, in circostanze imprevedibili, ma costruite dall’autrice con acume e lungimiranza, i vari protagonisti della storia riescono finalmente ad abbandonarsi ai propri sentimenti e alle proprie più intime aspirazioni, si ha quella svolta attesa, ma non ben riconosciuta, sin dall’inizio del racconto e che porta alla composizione di quel puzzle di situazioni e di scelte in cui finalmente si dipana, quasi per magia, tutto il filo della trama..».

Contatti

http://it-it.facebook.com/emanuelaespositoamatoscrittrice/

www.guidaeditori.it

Link di vendita online

http://www.guidaeditori.it/prodotto/uno-squillo-per-josephine/