contatore statistiche per siti
mercoledì, 22 novembre 2017

Due gelaterie di Gaeta premiate a “L’Officina del Sapore” di Roma

 

 

Di Gabriella Gelso.

Lo scenario prestigioso dell’ex hotel Cavalieri Hilton, struttura di grande sfarzo e sfondo di numerosi film italiani, ha ospitato “L’Officina del Sapore“, organizzato dall’Associazione Italiana Gelatieri e Pasticcieri, nella persona del Presidente Claudio Pica.

Tra i tanti esercenti partecipanti, giunti da ogni parte d’Italia, spicca la presenza del Bar La Villa, di Luciano Ciaramella e D’Ovidio Maria Antonietta ed il Pinguino, di Antonio Cervone e Debora Pilch, in rappresentanza della città di Gaeta.

I titolari di entrambe le attività hanno presenziato per ricevere un riconoscimento dovuto alla loro partecipazione alla manifestazione primaverile, dedicata in particolare ai più piccoli, “Gelato a Primavera“. Evento ideato, dal compianto Alberto Pica, in collaborazione con Salvatore Gelso, esperto del settore, nei primi anni 80, e adesso ripresa dal figlio, con il medesimo entusiasmo del padre, nel divulgare e ed incrementare il gelato artigianale, nel mondo, come eccellenza italiana. Il signor Gelso, forte della propria esperienza, racconta: “Finalmente anche i medici ed i nutrizionisti, hanno dichiarato che il gelato artigianale è un alimento completo, facilmente digeribile, a tutti gli effetti consigliato, a grandi e piccini, e a chi soffre di patologie particolari dovute all’alimentazione, essendo esso un prodotto composto principalmente dal latte, primo pasto dell’essere umano. Mentre per quanto concerne il mondo del lavoro, invito i giovani ad entrare nell’ambito del gelato, mestiere, che oltre a dare benefici a livello economico, comporta anche gratificazioni a livello personale, perché molto richiesto in tutto il mondo”. Lo stesso Pica a tal proposito, effettua una richiesta: ” Il gelato, la pasta e la pizza, sono tre eccellenze italiane, per cui invito tutti ad incrementare il Mady in Italy, prima che altri paesi, come Francia e Germania, possano fare proprie le nostre eccellenze.”