contatore statistiche per siti
domenica, 18 agosto 2019

Un francobollo per gli “angeli del fango”

 

 

Migliaia di giovani arrivati da tutto il mondo per prestare soccorso e contribuire a mettere in salvo il patrimonio artistico: a cinquant’anni di distanza dall’alluvione di Firenze quegli “angeli del fango” vengono ricordati con il francobollo da 0,95 Euro emesso oggi dal Ministero dello Sviluppo Economico e distribuito da Poste Italiane. L’emissione filatelica è stata presentata oggi a Firenze dalla Presidente di Poste Italiane Luisa Todini nel corso di una cerimonia svoltasi a Palazzo Vecchio, alla presenza del Sindaco Dario Nardella. 

“Questo francobollo” – ha dichiarato la Presidente Todini – “racconta una bellissima storia di solidarietà, avvenuta mezzo secolo fa ma ancora ben presente nella memoria collettiva dei fiorentini e di tutti gli italiani. “Anche mio padre di cui conservo una bellissima fotografia mentre è impegnato nelle prime azioni di aiuto insieme a suoi conterranei umbri accorsi per sostenere Firenze – ha aggiunto la Presidente di Poste Italiane citando un proprio ricordo familiare dell’alluvione –  partecipò con immediatezza e generosità allo slancio collettivo che unì tutti gli italiani ed il mondo intero alla Città di Firenze ed alla sua comunità”. 

L’esempio del 1966 che oggi commemoriamo si è rinnovato con incredibile vitalità anche nel corso dei recenti eventi sismici e costituisce una testimonianza indelebile – a livello internazionale – dell’altruismo e della capacità di fare squadra che accomuna tutti gli italiani di fronte alle emergenze e alle catastrofi naturali”.

E’ per queste ragioni – ha concluso la Presidente Todini – che mi sento di dedicare questa emissione non solo agli “angeli del fango” di Firenze, ma a tutti coloro che ne hanno idealmente e concretamente raccolto il testimone, scegliendo di impegnarsi in prima persona, anche insieme alle diverse organizzazioni di volontariato, in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto e da quello che sta sconvolgendo in questi giorni l’Umbria e le Marche”.

Fonte: comunicato stampa

09416 fran angeli del fango