contatore statistiche per siti
giovedì, 19 luglio 2018

Un “Un Golfo d’aMARE” saluta l’istituto Comprensivo M. E. Scauro

 

 

Anno scolastico concluso in grande festa per gli alunni delle classi IV e V dei plessi di Marina e Golfo dell’Istituto Comprensivo M. E. Scauro che si sono esibiti ieri sera nell’arena Mallozzi di Scauri con la manifestazione conclusiva del progetto “Un Golfo d’aMARE”. Con semplicità ed estrema padronanza della scena, i piccoli interpreti hanno dato visibilità alla proficua collaborazione che prosegue da anni tra l’Associazione culturale folcklorica “I Giullari” e l’Istituto Comprensivo di Scauri.
Un bellissimo esempio di interazione tra scuola e territorio, per garantire agli allievi la riscoperta delle proprie radici culturali entrando, grazie alle attività laboratoriali promosse dall’esperto Romolo Martufi, nel mondo dei nonni. Gli alunni si sono così resi conto di quante siano le risorse e le bellezze della terra in cui vivono e delle emozioni che essa può suscitare; hanno riacceso nel pubblico presente piacevoli ricordi, facendolo entrare attraverso i vivaci balli e l’interpretazione di canti e simpatiche scenette in dialetto minturnese, nel vivace mondo contadino, lo hanno fatti scivolare come le lampare sul
calmo mare del mondo marinaro e lo hanno rapito con la magia che si è librata nell’aria del borgo cittadino.

rezzolata

Gli inconfondibili ritmi del Saltarello, della Rezzolata e della Tarantella minturnese e i significativi testi dei canti “La cicarola, Gliu marinaru”, “Minturno
è ‘nu paradiso” e “Tarantella delle Regne”, unitamente alle scenette tipiche con i loro momenti di vita parentale, tra pescatori e tra popolane al mercato, hanno avvicinato i giovani interpreti al proprio paese, a quelle tradizioni che vanno rinnovate e trasmesse di generazione in generazione e che come ha sottolineato la Presidente del Consiglio d’Istituto sig. E. Gazzerro è importante che i bambini facciano proprie.
La serata si è conclusa, tra la soddisfazione generale di alunni, docenti, genitori e rappresentanti dell’Associazione folclkorica culturale “I Giullari” nelle persone del dott. A. D’Angelo e dell’ineguagliabile Giuseppe Conte, con un festoso saltarello che spontaneamente ha riempito e illuminato l’arena con i sorrisi dei protagonisti, bimbi capaci di vivere e suscitare emozoni.
E’ cos’ che la scuola si mantiene sempre viva.