Volantinaggio Italia Sovrana e Popolare al Mercato di Gaeta

0
59

Si è svolto questa mattina presso il mercato settimanale di Gaeta il volantinaggio di Italia Sovrana e Popolare per le elezioni politiche di Domenica prossima 25 Settembre in presenza di Salvatore Sortino, candidato alla Camera dei deputati del collegio Lazio 2 Provincia di Latina e Frosinone.

Italia Sovrana e Popolare è una coalizione di 15 tra Partiti e movimenti antisistema che in questi ultimi due anni hanno protestato nelle principali piazze italiane contro la gestione fallimentare dell’emergenza pandemica prima e della crisi internazionale subito dopo, contro la speculazione finanziaria di Banche e Multinazionali straniere che sta facendo salire alle stelle il costo della vita e ci sta portando in una crisi energetica volta a distruggere l’economia italiana. Ci hanno costretto a raccogliere più di 70.000 firme sotto i 40 gradi di Agosto, mentre i partiti del PUL (Partito Unico Liberista) dalla Meloni a Conte, da Salvini a Letta, continuavano a votare a favore dell’invio di soldi e armi all’Ucraina, gettando benzina sul fuoco di un conflitto che può trasformarsi nella Terza Guerra Mondiale e impoverendo ulteriormente gli Italiani.

Siamo per un Italia indipendente, fuori da NATO, Unione Europea, Euro e Organizzazione mondiale della Sanità (OMS). Bisogna ormai archiviare la stagione dell’unipolarismo atlantista per approdare ad un mondo multipolare fondato sulla solidarietà e sovranità di stati affratellati internazionalmente.

Siamo per la ristrutturazione generale della sanità pubblica e fine di ogni privatizzazione in questo settore. Avvieremo una commissione d’inchiesta parlamentare sulle scelte dei governi durante l’emergenza pandemica.

Siamo per l’azzeramento di tutta la legislazione relativa alla precarizzazione e agli attacchi al lavoro autonomo. Abrogheremo la Legge Fornero, e torneremo ad una tassazione seriamente progressiva che, sulle persone fisiche, ricalchi l’imposta delineata dalla riforma del 1971 con 32 scaglioni di reddito.

Nessun sostegno alla scuola paritaria: “Sanità, scuola, trasporti, assieme ai settori strategici come infrastrutture ed energia, devono essere pubblici”. Adegueremo la spesa pubblica italiana per l’istruzione almeno alla media europea.

Transizione energetica e uso delle rinnovabili. Incentivi economici rivolti alle piccole e medie imprese per l’acquisto di pannelli solari, mini eolico e macchinari per produzione di biometano. No agli allevamenti intensivi. Riconversione massiccia all’agricoltura biologica. Questi sono solo alcuni dei punti del nostro programma che abbiamo volantinato in sintesi questa mattina.

Se sei daccordo con noi allora Domenica prossima vai a votare! Vota e fai votare per ITALIA SOVRANA E POPOLARE!